Crea sito

liturgia del giorno

Sabato 25 ottobre della XXIX settimana delle ferie del Tempo Ordinario

 ( preso da www.chiesacattolica.it/  - www.vangelodelgiorno.blogspot.it/ )

Amate la Messa, figli miei, amate la Messa.
Fate la comunione con fame, anche se siete freddi e pieni di aridità:
fate la comunione con fede, con speranza, con ardente carità

(San Josemaría Escrivá de Balaguer)

il vangelo di oggi

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 13,1-9.
In quel tempo si presentarono alcuni a riferire a Gesù circa quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva mescolato con quello dei loro sacrifici.
Prendendo la parola, Gesù rispose: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte?
No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo.
O quei diciotto, sopra i quali rovinò la torre di Sìloe e li uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme?
No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo».
Disse anche questa parabola: «Un tale aveva un fico piantato nella vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò.
Allora disse al vignaiolo: Ecco, son tre anni che vengo a cercare frutti su questo fico, ma non ne trovo. Taglialo. Perché deve sfruttare il terreno?
Ma quegli rispose: Padrone, lascialo ancora quest'anno finché io gli zappi attorno e vi metta il concime
e vedremo se porterà frutto per l'avvenire; se no, lo taglierai». 

Meditazione del giorno
Giuliana di Norwich (tra 1342-1430 cc), reclusa inglese
Rivelazioni dell’amore divino, cap. 39
Convertirsi e non perire

    Il peccato è la sferza più terribile che possa colpire un’anima eletta. Schiaccia l’uomo o la donna, abbassandolo talmente ai propri occhi che quello crede di meritare ormai solo l’inferno, fino al momento in cui, toccato dallo Spirito Santo, è preso da contrizione e vede la sua amarezza trasformarsi in speranza nella misericordia divina. Allora le sue ferite cominciano a guarire e la sua anima a vivere, dal momento in cui si orienta alla vita della santa Chiesa. Lo Spirito Santo lo conduce alla confessione, per potervi confessare pienamente i suoi peccati, apertamente e francamente, col dolore grande e la vergogna di aver deturpato la bella immagine di Dio. Dal confessore riceve la penitenza per ogni peccato, mentre è re-inserito nella santa Chiesa per l’insegnamento dello Spirito Santo. E questa umiltà piace tanto a Dio…

    Nostro Signore si prende grandissima cura di noi, anche quando crediamo di essere abbandonati, respinti, a causa dei peccati e vediamo che l’abbiamo meritato. L’umiltà che così acquistiamo ci innalza agli occhi di Dio. La grazia divina fa nascere una così grande contrizione, compassione e vera sete di Dio che il peccatore, appena liberato dal peccato e dalla pena, è innalzato alla beatitudine, come i grandi santi. 

Santo(i) del giorno : SS. Crispino e Crispiniano, martiri († fine sec. III),

B. Carlo Gnocchi, sacerdote e fondatore (1902-1956)
S. John Stone, presbitero O.S.A. e martire († 1539)
SS. Crisanto e Daria, martiri a Roma († ca. 283)
S. Miniato di Firenze, martire († ca. sec. III)
S. Front (Frontone) di Perigueux (F), 1° vescovo († s. IV)
SS. Martirio e Marciano, martiri a Costantinopoli († ca. 351)
S. Gaudenzio di Brescia, vescovo († ca. 410)
S. Hilaire (Ilario) di Mende (F), vescovo († post 535)
SS. Valentino ed Engrazia, eremiti e fratelli, martiri
S. Frutto, eremita presso Segovia in Spagna († ca. 715)
S. Mauro, vescovo di Pécs in Ungheria († 1070)
S. Bernardo Calbó, vescovo a Vic in Spagna († 1243)
B. Tadhg MacCarthy, vescovo di Cork in Irlanda († 1492)
B. Recaredo Centelles Abad, sacerdote e martire (1904-1936)
BB. Maria Teresa Ferragud Roig e compagne, martiri († 1936)

per pregare on line la liturgia delle ore, clicca sul banner:

(  http://www.maranatha.it )

 ( da sentire e da vedere)
ZAMFIR, tra i migliori suonatori del flauto di pan.
" Gesù è il mio Pastore